amianto


Cos’è Il Building Information Modeling? Cosa ha favorito un’affermazione così repentina per questa disciplina? Quali sono i suoi presupposti, le opportunità concrete, le potenzialità?


Il Corso sarà disponibile orientativamente a partire dal 15 Novembre 2016 e dovrà essere completato entro il 31 Ottobre 2017.


Per una migliore navigazione sul sito di formazione della Fondazione e per l'accesso ai servizi elearning è necessario utilizzare Internet Explorer 10 o superiore, Safari 7 o superiore, Chrome, Firefox. Si consiglia inoltre di abilitare la visualizzazione dei popup nel browser.


AVVIA IL CORSO


Unità Didattica 1. (durata: 4 moduli)

Progettazione, Produzione e Costruzione, l’evoluzione dei metodi di controllo della qualità
1.1.      Rischi e criticità nei processi costruttivi e produttivi
1.2.      Il lavoro artigianale e la regola dell’arte
1.3.      Dai processi artigianali a quelli industriali
1.4.      L’Influsso dei metodi industriali nelle costruzioni

Unità didattica 2. (durata: 4 moduli)
Dal Product Management al Building Information Modeling
2.1.      L’impulso della III° rivoluzione industriale nei processi produttivi
2.2       Dal prototipo di simulazione a quello di gestione e coordinamento
2.3.      La fondazione della disciplina BIM
2.4.      Dal progetto condiviso al processo condiviso

Unità Didattica 3. (durata: 4 moduli)
Obiettivi e Contenuti del metodo
3.1.      Il modello flessibile (la parametricità)
3.2.      L’interazione multidisciplinare
3.3.      La condivisione del lavoro
3.4.      Un processo scalabile, sensibile, lungimirante, estensibile

Unità Didattica 4.1  (durata: 4 moduli)
Organizzazione e supporti normativi
4.1.      La ricerca delle Best-Practice tramite scenari
4.2.      Il BIM come “garanzia” della qualità e della validità del processo
4.3.      la costruzione di un linguaggio condiviso
4.4.      Gestire e coordinare i processi

Unità Didattica 4.2  (durata: 4 moduli)
Organizzazione e supporti normativi
4.3.      Gestire e stimare le capacità
4.4.      Gestire e stimare le tecnologie
4.5.      Governare il processo per migliorare le dinamiche autorizzative e gestionali
4.6.      I principali quadri normativi internazionali di riferimento

Unità Didattica 5.1  (durata: 4 moduli)
Metodi e strumenti per una prassi del BIM
5.1.      Sistemi omogenei VS sistemi eterogenei
5.2.      Gli ambiti di applicabilità del BIM
5.3.      Il BIM oltre la costruzione, dal Facility Management al Building Lifecycle Management
5.4.      Il BIM per gli stakeholders, l’accrescimento delle capacità produttive e gestionali

Unità Didattica 5.2  (durata: 4 moduli)
Metodi e strumenti per una prassi del BIM
5.5.      Il BIM per il sistema-paese, le competenze e le conoscenze come patrimonio
5.6.      Gli strumenti e i metodi per la gestione dei modelli 5D
5.7.      Organizzazione del lavoro, logiche di condivisione ed utilizzazione dei modelli BIM
5.8.      IL BIM e le certificazioni di qualità e conformità

Unità Didattica 6. (durata: 4 moduli)
Un esempio applicativo del processo BIM
6.1.         La preparazione dei modelli di lavorazione e l’organizzazione del team
6.2.         l’acquisizione del concept progettuale e referenziazione del modello
6,3          Cenni sull’elaborazione del modello architettonico, strutturale ed impiantistico
6.4          L’estrazione di informazioni e coordinamento delle interferenze e della linea temporale di sviluppo


SCARICA IL PROGRAMMA

Il Corso sarà tenuto dal Dott. Massimo Campari, Direttore Tecnico InArch, BIM leader per SPraUt e dalla Dott.ssa Sara Manarin, Docente InArch - BIM Manager per SPraUt e sarà articolato in 8 ore di lezione organizzate in video-lezioni da 15 minuti l’una per complessivi 32 moduli didattici, strutturati in 6 Unità Didattiche tematiche.

Ai fini della verifica dell’apprendimento, sono previsti dei test costituiti da n. 8 domande a risposta multipla per ogni CFP riconosciuto.
N.B. Ogni test di verifica prevede n. 3 tentativi. In caso di mancato superamento sarà necessario ripetere gli ultimi 4 moduli della lezione corrispondente.
Il Corso darà diritto al riconoscimento di n. 8 CFP .


I CFP saranno erogati solo ed esclusivamente a completamento dell'intera durata del corso ed al superamento dell'80% dei test (7 risposte corrette su 8 per ogni test).
ATTENZIONE: ai fini del riconoscimento dei CFP, è previsto il caricamento dei partecipanti il primo giorno lavorativo di ciascun mese. L’attribuzione avrà luogo non appena validate le istanze dai rispettivi Consigli Nazionali.

ORGANIZZATORE UNICO
Fondazione Architetti e Ingegneri
Liberi Professionisti Iscritti Inarcassa
info@fondazionearching.it

TUTOR
Dott.ssa Francesca D’Uffizi
Tutor corsi BIM per InArch, BIM Coordinator per SPraUt
francescaduffizi@hotmail.it
scarica il CV

MENTOR
Daniele Bernicchia
Docente InArch - BIM Manager per SPraUt
daniele.bernicchia@gmail.com
scarica il CV

DOCENTE
Massimo Campari
Direttore Tecnico InArch, BIM leader per SPraUt
scarica il CV

DOCENTE
Sara Manarin
Docente InArch -BIM Manager per SPraUt
scarica il CV

DIRETTORE SCIENTIFICO FORMAZIONE FONDAZIONE INARCASSA
Ing. Egidio Comodo
e.comodo@fondazionearching.it


Per informazioni:
e-mail: info@fondazionearching.it.
tel. 06-85274216 (dal lunedì al venerdì ore 9-13)


AVVIA IL CORSO